nina
Home > Blog > Sessualità > Orgasmo precoce femminile: comprensione e gestione per un piacere prolungato

Orgasmo precoce femminile: comprensione e gestione per un piacere prolungato

orgasmo precoce femminile

L’orgasmo precoce femminile è un fenomeno poco studiato e relativamente raro, ma per alcune donne può essere fonte di stress e preoccupazione.

Iniziamo con le basi: non esiste un tempo “normale” per una donna raggiungere l’orgasmo. La maggior parte delle donne, con adeguata stimolazione, raggiunge il il climax tra i cinque e i venti minuti di rapporto sessuale. C’è chi impiega di più e chi di meno, e può essere perfettamente normale.

L’orgasmo precoce nelle donne è raramente oggetto di ricerca perché il numero di donne che se ne lamentano è molto basso. La maggior parte delle donne che raggiunge il climax velocemente continua infatti ad essere eccitata anche dopo l’orgasmo, e può continuare il rapporto sessuale e sperimentare orgasmi multipli.

Proprio perché il numero di donne che soffre di questo disturbo è basso, l’eiaculazione precoce femminile è molto meno studiata rispetto all’eiaculazione precoce maschile, ma ciò non significa che non accada.

Quante donne soffrono veramente di orgasmo precoce?

Uno studio preliminare portoghese (ne abbiamo trovate solo un paio) ha scoperto che il 40% delle donne occasionalmente raggiunge l’orgasmo più velocemente del previsto e del desiderato durante il rapporto sessuale. E per il 3% di queste donne il problema è cronico.

Sui risultati, il ricercatore Serafim Carvalho ha dichiarato: “Per questo piccolo gruppo, l’eiaculazione precoce femminile è più di un fastidio. Pensiamo che causi un disagio grave come nell’uomo.” Queste donne soffrono di orgasmo precoce, che avviene talvolta anche prima del rapporto sessuale o con una leggera stimolazione e senza più interesse a continuare l’interazione sessuale.

Quindi anche se potrebbe sembrare una contraddizione considerando la comune credenza che le donne richiedano più tempo per raggiungere l’orgasmo, questo fenomeno esiste e può essere fonte di frustrazione e insoddisfazione per le donne che ne sono affette.

Per la maggior parte delle donne intervistate nella ricerca, non rappresenta però un problema serio. “Alcune di queste donne riportano che ciò è dovuto al fatto di essere in una buona relazione con il proprio partner, di essere molto eccitate o di provare un desiderio molto intenso o di non avere rapporti sessuali da molto tempo.”

Come dicevamo, quando si discute dell’orgasmo precoce maschile, ci troviamo di fronte a un concetto già noto alla maggior parte delle persone. È comunemente definito come l’eiaculazione che avviene prima che l’uomo lo desideri o troppo presto durante il rapporto sessuale, causando disagio a sé stesso e spesso anche alla partner.

Questa condizione ha guadagnato una certa visibilità grazie all’ampia divulgazione scientifica e culturale, oltre a specifiche terapie e trattamenti sviluppati nel corso degli anni.

Studi e ricerche recenti: differenza tra orgasmo precoce femminile e maschile

In netto contrasto, l’orgasmo precoce femminile è appunto un tema meno discusso e compreso.

Le differenze fisiologiche tra i sessi giocano un ruolo significativo nella manifestazione e nell’esperienza dell’orgasmo precoce. Tuttavia, la ricerca in quest’ambito è ancora carente, e servono ulteriori studi per comprendere appieno le cause e identificare trattamenti adeguati. Dopo lo studio portoghese citato, del 2011, è stato fatto molto poco in ambito scientifico.

E’ evidente quindi che mentre l’orgasmo precoce maschile è largamente riconosciuto e oggetto di discussione aperta, vi è una disparità considerevole nell’attenzione rivolta all’orgasmo precoce femminile.

È essenziale suscitare maggiore consapevolezza, promuovere ricerche dedicate e facilitare conversazioni che possano sfatare miti e misconoscimenti, contribuendo così a una maggiore comprensione e miglioramento della qualità della vita sessuale di entrambi i generi.

Diagnosi dell’orgasmo precoce femminile

Se l’orgasmo precoce per te è un problema, allora devi attivarti e prenderti cura di te stessa.

Il percorso inizia con un dialogo aperto e trasparente con una ginecologa, che dovrà valutare attentamente non solo le manifestazioni del disturbo ma anche la frequenza e le circostanze in cui si verifica l’orgasmo precoce. È importante però considerare sia gli aspetti fisici sia quelli emotivi. In alcuni casi, può essere utile un consulto con una terapeuta sessuale per esplorare le dinamiche relazionali e psicologiche che possono influenzare l’esperienza sessuale.

Dall’ottica psicologica, l’approccio deve essere calibrato con sensibilità visto che l’orgasmo precoce femminile è frequentemente avvolto da un manto di silenzio e vergogna.

La mancanza di informazione e la persistente presenza di tabù culturali sul piacere femminile aumentano le complicazioni e riducono le opportunità di dialogo aperto su questo argomento.

Con un approccio così integrato, è possibile arrivare a comprendere le cause del disturbo e, conseguentemente, elaborare un piano di trattamento personalizzato capace di migliorare la qualità della vita sessuale della paziente.

Esistono diverse opzioni che possono aiutare a gestire meglio l’orgasmo femminile e può valere la pena provarle, se soffri o pensi di soffrire di orgasmo precoce. E’ un modo per entrare più in contatto con il tuo corpo e con il tuo piacere. Trova un approccio che si adatti alle tue esigenze, sperimenta e vedi cosa é meglio per te.

Tecniche di mindfulness e esercizi di rilassamento

Le tecniche di mindfulness e gli esercizi di rilassamento possono essere praticati sia prima sia durante il rapporto sessuale. Ecco come si possono applicare in entrambi i contesti:

Prima del rapporto sessuale

Dedicarsi del tempo prima del rapporto sessuale può aiutare a preparare sia la mente sia il corpo, riducendo l’ansia e aumentando la concentrazione sul momento presente.

  • 🫁 Respirazione profonda: praticare esercizi di respirazione profonda può aiutare a calmare il sistema nervoso. Concentrati sul respiro, inspirando lentamente ed espirando ancora più lentamente. Dedica 3-5 minuti a questa pratica.
  • 🧘‍♀️Meditazione guidata: utilizzare tecniche di meditazione guidata per rilassare la mente e concentrarsi sul proprio corpo, aiutando a ridurre lo stress e l’ansia.
  • 👀 Esercizi di consapevolezza corporea: concentrarsi su diverse parti del corpo e rilassarle intenzionalmente può aiutare a ridurre la tensione muscolare e a migliorare la consapevolezza del proprio corpo.

Durante il rapporto sessuale

Applicare la mindfulness durante il rapporto sessuale può aiutare a mantenere la concentrazione sulle sensazioni presenti, riducendo la preoccupazione per la performance e migliorando l’esperienza complessiva.

  • 😌 Mindfulness focalizzata sulle sensazioni: presta attenzione a tutte le sensazioni fisiche durante il rapporto sessuale, accettandole senza giudizio.
  • 👩‍❤️‍💋‍👨 Respirazione sincronizzata con il/la partner: sincronizzare la respirazione con il/la partner può aiutare a creare un’intimità profonda e a mantenere la concentrazione sul presente. Inoltre ci permette di rallentare e allentare la tensione muscolare (e spesso di gestire più consapevolmente l’orgasmo).
  • 🫶 Comunicazione aperta con il/la partner: parlare con il/la partner di ciò che si sta provando può aiutare a mantenere la consapevolezza nel momento e migliorare l’esperienza condivisa.

Ricordati che la pratica costante è fondamentale per trarre benefici dalla mindfulness e dagli esercizi di rilassamento. Inoltre, sii paziente e aperta nell’esplorare ciò che funziona meglio per te e il/la tuo/a partner, così potrai migliorare significativamente l’esperienza sessuale.

Mitigare la pressione sociale e i preconcetti

La battaglia contro gli stereotipi sociali è un elemento chiave per creare una società più inclusiva. Questa lotta diventa ancora più importante quando si parla di tematiche delicate o poco comuni come l’orgasmo precoce femminile, che spesso è avvolto da malintesi e pregiudizi.

È essenziale promuovere un ambiente di supporto e comprensione intorno a questa condizione, al fine di assicurare che chi ne soffre non debba anche combattere contro la vergogna e l’incomprensione sociale. È fondamentale eliminare così miti infondati e credenze errate che possono portare a ulteriore stress e isolamento per le donne che ne soffrono.

Scritto da

Nina

Nina è l’app di audio racconti erotici pensati per il piacere femminile.

Inizia ad esplorare gratis tutti i nostri audio per 7 giorni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Scopri i segreti del piacere con la nostra newsletter. Storie audaci, consigli piccanti, e una buona dose di ironia ti aspettano.
Invalid email address