nina
Home > Blog > Laura Formenti: quando gli stereotipi di genere fanno ridere

Laura Formenti: quando gli stereotipi di genere fanno ridere

Laura Formenti comica

Oggi abbiamo intervistato Laura Formenti, una delle stand up comedian più forti in Italia.

Per lə pochə che non la conoscono ancora, Laura Formenti è una donna che sembra non fermarsi mai: comica, attrice, performer, content creator e… stalker del suo stesso gatto. Dobbiamo ringraziare TikTok per avercela fatta scoprire, da allora non ne possiamo più fare a meno. Il suo segreto? Dire le cose come stanno, senza filtri. E questo la rende irresistibile.

Sul palco, Laura trasforma ogni tabù in una risata. Parla apertamente di sesso, dating app e stereotipi di genere con una leggerezza che disarma. È proprio questa sua capacità di trattare con naturalezza e ironia argomenti spesso evitati in Italia, che la rende speciale.

E non è solo una questione di far ridere. Laura ci fa pensare. Ci costringe a guardare la realtà da una prospettiva diversa, a mettere in discussione le nostre convinzioni. Per questo siamo molto felici abbia deciso di essere ospite del blog di Nina Love e rispondere alle nostre domande.

Partiamo con la nostra solita domanda, tanto semplice quanto complicata, chi è Laura Formenti?

Una curiosa nella vita e nel lavoro. Sono comica, attrice, autrice, perfomer… ora anche podcaster. Insomma mi piace sperimentare in campo artistico e viaggiare nella vita privata.

Che cos’è per te la comicità e in che modo ha cambiato la tua vita? Non possiamo lasciarci sfuggire l’occasione di chiederti un consiglio: mostraci la via per imparare a ridere di più e prenderci meno sul serio, tu che sai!

La comicità è un modo di vedere il mondo che ti migliora la vita. Per me è stata una scoperta perché non pensavo di essere portata per il comico né di avere talento in tal senso.

E’ capitato un po’ per caso e sono grata di questa scoperta che mi ha cambiata anche come essere umano. 

Credo che per molte persone ridere di sé e del mondo non sia naturale ma si può imparare, bisogna imporsi di fare una pausa e pensare: cosa c’è di divertente in questa situazione? 

Ponendoci questa domanda ci si accorge che proprio le vicende più assurde e complesse diventano immediatamente delle straordinarie storie da raccontare.

Saper far ridere è un dono davvero prezioso e riuscire a trasformare una passione in un lavoro è quello che ci auguriamo tuttə nella vita. In Italia il mondo della stand-up è popolato prevalentemente da uomini e le donne che riescono a emergere e affermarsi sono ancora poche. Quindi, per citare il monologo che ti ha reso famosa sul palco di Italia’s got talent, ti chiediamo: “com’è essere una donna che fa stand-up?”

E’ un’avventura emozionante, a volte difficile per chi, come me, ha iniziato già diversi anni fa. Siamo state, soprattutto noi donne, delle pioniere del genere e nei primi anni c’era un po’ di diffidenza. Però vorrei sempre più che non si parlasse di differenze tra uomini e donne che fanno stand up ma solo di bravi comici che coltivano un loro percorso originale.

Femminismo, universo femminile, politically correct… non si può davvero più dire niente sul palco?

Ma no! In Italia si può assolutamente dire tutto! A volte anche purtroppo.

Però credo sia giusto che ognuno si prende la responsabilità di quel che dice e di suscitare delle reazioni. Se piaci a tutti forse non stai dicendo nulla di veramente interessante e innovativo, no?

Nina è l’app di audio racconti erotici, pensati per il piacere femminile.

Inizia ad ascoltare gratis per 7 giorni.

Fai ridere e parli apertamente di sesso, non riusciamo a pensare a qualcosa che possa spaventare di più gli uomini, ce lo confermi? Perché alcuni uomini sono così intimoriti dalle donne ironiche e realizzate secondo te? Si generalizza troppo?

Ci sono uomini e uomini. Se una persona è sicura di sé non ha paura dell’ironia. Le donne che parlano di sesso spaventano solo uomini insicuri e confusi. Ce ne sono sicuramente e in buona parte è colpa della società che li ha spinti a cercare sicurezza nel machismo esasperato ma credo che esistano anche uomini meravigliosi, che sanno ascoltare, mettersi in discussione, aprirsi al dialogo. Io ne conosco diversi. Giuro, esistono!

Ridere fa bene alla mente e al corpo e su questo siamo tuttə d’accordo: è bello ridere davanti a uno spettacolo, un film, un libro… Ma diciamocelo… un’altra circostanza in cui è divertente ridere è mentre si fa sesso. Nell’immaginario comune (nel porno) la sessualità viene presa sempre molto seriamente, perché secondo te manca quel connotato di leggerezza che poi tutte e tutti noi amiamo vivere in camera da letto?

Il sesso senza ironia è di una noia mortale. E secondo me non c’è niente di peggio della noia.

Nei tuoi spettacoli affronti temi anche impegnativi in modo sempre intelligente e divertente, ma a volte possono risultare scomodi o non piacere a chi ti ascolta. Abbiamo visto che ti è capitato di essere investita da commenti di hater che non apprezzavano questo tuo modo di essere diretta. Rispondi sempre con ironia a tutti e vai avanti per la tua strada, vuoi dare un consiglio alla community di Nina Love su come sopravvivere in questo mondo di leoni da tastiera sempre pronti a giudicare e commentare a sproposito?

In realtà sono e sono stata una persona molto permalosa. Nel tempo però, anche in seguito a grosse ondate di commenti sgradevoli, mi sono resa conto che gli haters sono persone con grosse insicurezze personali. Quanto devi vivere male per sentire il bisogno di aggredire un’estranea per una battuta? Tra l’altro spesso i commenti mi accusano di cose molto lontane da quelle che dico e faccio veramente, nascono da una distorsione del mio pensiero. Insomma i leoni da tastiera mi mettono in bocca pensieri e posizioni che odiano e che esistono solo nella loro testa per potermi aggredire, sentirsi migliori e stare meglio: un meccanismo davvero perverso. 

I social sono uno sfogatoio. Non c’è tema su cui puoi esprimerti senza ricevere le critiche di qualcuno. Se hai carattere, se hai personalità, se credi in qualcosa verrai aggredito con assoluta certezza. Vedi allora che gli insulti non sono più qualcosa di cui dispiacersi ma una medaglia al valore.

Nel tempo però ho imparato anche a non farmi coinvolgere troppo rispondendo seriamente, se mi va ci scherzo su e passo oltre.

Il mantra di Nina Love è Goditela. Per noi la sessualità deve essere vissuta in maniera libera e consapevole, senza schemi o pregiudizi. Ma anche con un po’ di sana leggerezza, in fondo perché il sesso dovrebbe essere considerato diversamente dagli altri piccoli e grandi piaceri della vita? Che significato ha per te Goditela?

“Goditela”  è una parola bellissima che troppo spesso dimentichiamo. Prendiamo tutto troppa seriamente. Lavoriamo esageratamente, ci facciamo sopraffare dagli impegni e dai doveri, non abbiamo tempo, guardiamo i successi degli altri con invidia…insomma bruciamo l’80% della nostra breve vita tormentandoci inutilmente. Ovviamente non possiamo smettere di lavorare o eliminare i drammi piccoli o grandi ma possiamo metterci comodi e goderci il viaggio.

“Goditela” è un imperativo che sto cercando di applicare sempre più nel sesso e nella vita.

Segui Laura Formenti sul suo canale IG: @laura.formenti

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]

Scritto da

Nina

Nina è l’app di audio racconti erotici pensati per il piacere femminile.

Inizia ad esplorare gratis tutti i nostri audio per 7 giorni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Scopri i segreti del piacere con la nostra newsletter. Storie audaci, consigli piccanti, e una buona dose di ironia ti aspettano.
Invalid email address