nina
Home > Racconti erotici > Grazie baby!

Grazie baby!

Da quando mi ha lasciato quel biglietto con il suo numero di telefono non faccio che pensare a lui, alla sua voce tremante mentre mi guarda e con lo sguardo già mi sta spogliando…

È molto più giovane di me, un ragazzino di 23 anni, e forse proprio per questo mi eccita anche solo il pensiero che mi desideri.

Dopo un breve scambio di messaggi ci diamo appuntamento alle porte di un parco: sono tesa, e allo stesso tempo voglio vedere dove posso arrivare, se la mia fantasia potrà diventare realtà.

Lui ha portato un telo che subito stende a terra, e così ci ritroviamo vicini, sento il calore del suo corpo accanto al mio, l’energia che mi trasmette mentre parliamo di noi. Ad un certo punto sento la sua mano che sfiora la mia, ho un brivido e lui se ne accorge, mi guarda e si avvicina con le labbra al mio collo. Quelle labbra… Morbide, sensuali, lentamente mi sfiorano la pelle, e sento che già mi sto bagnando.

Tento di controllare i miei istinti, cosa sto facendo? Questo ragazzo ha quasi la metà dei miei anni, e mi desidera. Lentamente, mi giro fino a far incontrare le nostre bocche: è un bacio dolce, tremiamo entrambi, quello che sta accadendo ci porta in una dimensione dalla quale è difficile riuscire a tornare indietro.

Sento il desiderio aumentare come un’onda, non posso fermarmi: mi alzo e gli chiedo di seguirmi. Avanziamo nel parco, e dopo qualche decina di metri troviamo un sentiero; lo prendo per mano e insieme ci addentriamo nella vegetazione. Procediamo finché troviamo una radura abbastanza lontana dalla strada principale, siamo circondati da alberi, cespugli e rovi, nessuno dovrebbe arrivare qui, ma in questo momento comunque non mi importa.

Voglio solo che mi scopi, e voglio farlo impazzire.

Nina Love è l’app per chi ama ascoltare audio racconti erotici.

Esplora tutti i nostri audio e le categorie gratis per 7 giorni.

Mi avvicino a lui e lo bacio, poi mi inginocchio e guardandolo negli occhi gli sbottono i jeans e prendo in mano il suo cazzo attraverso i boxer: è già duro, e non aspetta altro che essere preso nella mia bocca. Glielo tiro fuori e lo guardo: è davvero grosso,e questo mi eccita ancora di più. Inizio a leccarlo dalla base fino alla punta, sento la sua mano che mi afferra i capelli, mi vuole, ma ho deciso di giocare ancora un pò… Scendo con la bocca e passo a leccargli le palle, le prendo in bocca una alla volta e lentamente le succhio. Lo sento gemere forte, sento che ora è mio, e mi piace.

“Prendimelo in bocca, non resisto.. ‘ mi supplica, e io lo accontento: il suo cazzo entra nella mia bocca e io inizio a succhiarglielo, riempiendolo di saliva per farlo scivolare meglio. Sento il suo sapore, è dolce,e il suo profumo mi fa impazzire… Le sue mani mi prendono la testa e con decisione mi invitano ad accoglierlo completamente nella mia bocca.

Io obbedisco, sentendomi potente, una dea del sesso che sta facendo impazzire un ragazzino di 23 anni. Questo pensiero mi eccita, sento le mie mutandine bagnarsi ancora, voglio che mi tocchi, voglio che mi faccia sua. Di colpo mi ferma, quasi avesse letto nei miei pensieri, e mi fa sollevare; mi spinge dolcemente contro un albero e mi bacia con forza: la sua lingua incontra la mia e le sue labbra sembrano volermi divorare. Con le mani mi afferra i fianchi e mi preme contro il suo corpo, facendomi sentire il suo cazzo sempre più duro.

Con una mano solleva il mio vestitino e mi sfiora attraverso gli slip, si accorge di quanto sono eccitata e sospira, mentre io gemo forte contro la sua bocca.

“Toccami, ti prego” gli chiedo e lui subito sposta le mie mutandine e infila due dita dentro di me, muovendole in modo da raggiungere il mio punto G. È bravissimo.. Così bravo che devo trattenermi dal venire subito, non voglio che finisca adesso.

Avvicina la sua bocca al mio orecchio e mi sussurra:” Voglio scoparti “, poi mi gira e mi abbassa le mutandine fino a terra. Lo voglio, voglio sentire il suo cazzo dentro di me. Lui mi allarga leggermente le gambe, mi prende per i fianchi e di colpo mi penetra, fino in fondo, affonda tutto dentro di me, e io non riesco a trattenere un grido di piacere. Mi mette una mano sulla bocca per coprire i miei gemiti, mentre io mi aggrappo al tronco dell’albero, scossa da ondate di piacere fortissime.

Continua a muoversi dentro di me, sempre più a fondo, con sempre più foga, mentre il suo respiro sul mio collo si fa sempre più veloce. “Hai un culo stupendo” mi sussurra mentre con una mano me lo afferra, sento le sue dita affondare nella mia carne, mentre con l’altra mano arriva al mio clitoride e lo preme e lo tormenta con le dita, scivolando nei miei liquidi e facendomi avvicinare sempre di più all’orgasmo.

Non capisco più niente, mi sta facendo impazzire, sento che le sue spinte aumentano e finalmente mi lascio andare e vengo, un orgasmo fortissimo mi fa tremare fino a farmi quasi cedere le gambe, sento la sua mano che mi tiene stretta sul fianco mentre l’altra è ancora sul mio sesso, continua a premere finché non mi sente smettere di tremare, e finalmente viene anche lui, spingendo forte il suo cazzo dentro di me. I nostri gemiti riempiono il silenzio, i respiri sono ancora veloci, poi con dolcezza lui esce da me e mi bacia sulla bocca, voltandomi verso di sé.

Apriamo gli occhi e guardandoci ridiamo insieme… “Grazie baby… ” mi sussurra, e mentre ci rivestiamo penso che sì, ho fatto bene a lasciarmi andare alle mie fantasie, e che non vedo l’ora di ripeterle…

Scritto da: Urano

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 4]

Leggi altri racconti erotici:

Nina Love è l’app di audio racconti erotici pensati per il tuo piacere.

Inizia ad esplorare gratis tutti i nostri audio per 7 giorni.

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e ricevi gratuitamente il tuo primo audio erotico.
Invalid email address