nina
Home > Racconti erotici > Giochi proibiti ep.1

Giochi proibiti ep.1

Sono qui, seduta alla mia scrivania. Continuo a guardare l’orologio e non riesco a concentrarmi su niente, mancano ancora due ore alla fine di questa giornata interminabile.
Luca, il mio collega, mi ha invitato a casa sua stasera per discutere di un progetto importante. So benissimo che non si tratta di lavoro, ma non mi importa, anzi… Da un po’ ormai il mio matrimonio è diventato una noia infinita. La verità è che con mio marito Francesco le cose non vanno più bene da un po’.Sembra che io non lo faccia più eccitare, che non mi desideri più. Sono mesi che non scopiamo o, le poche volte che succede, è sempre uguale. A missionario, con le luci spente, prima di andare a dormire. È come se mi desse per scontata ormai…

Ma io non ne posso più, ho bisogno di qualcosa di nuovo, di eccitante… ho bisogno di sentirmi di nuovo viva e desiderata. Ecco perché ho deciso di accettare l’invito di Luca. È un uomo affascinante, con un sorriso malizioso e degli splendidi occhi scuri che sembrano sempre volerti spogliare. So che è sbagliato, ma l’idea di tradire Francesco mi eccita ed è una sensazione che non provo da tempo, che mi fa sentire potente…

Mentre aspetto che arrivi l’ora di staccare e uscire dall’ufficio, la mia testa non fa altro che fantasticare su quello che succederà… Mi immagino le sue mani sul mio corpo, la sua bocca sulla mia pelle. Mi bagno solo a pensarci. Dovrei concentrarmi sul lavoro, ma così è davvero impossibile. Ogni volta che alzo lo sguardo e incrocio il suo, sento un brivido di eccitazione salirmi lungo la schiena.

Finalmente è arrivato il momento di andare via. Saliamo sulla sua macchina e parliamo di lavoro, come fossimo solo due normali colleghi, e non due persone che tra poco si troveranno nude ad avvinghiarsi.Ho il cuore che mi batte così forte che a stento riesco a sentire la musica della radio.

Arrivati a casa sua, mi sento ancora più nervosa.


So cosa sta per succedere, mi sento in colpa e al tempo stesso non ho intenzione di tirarmi indietro… Voglio pensare solo a me per una volta. Appena entriamo in casa, Luca mi prende per un braccio e mi tira a sé. Mi bacia con passione, una passione che non provavo da tempo. E in quel momento so che non posso più tornare indietro, non voglio…

Nina Love è l’app per chi ama ascoltare audio racconti erotici.

Esplora tutti i nostri audio e le categorie gratis per 7 giorni.

Le sue mani si muovono sul mio corpo, mi accarezzano e mi stuzzicano. Mi stringe il seno poi mi spinge contro il muro e mi afferra il sedere, sento tutto il suo corpo addosso e il suo cazzo che mi preme sul ventre. È meglio di come l’ho fantasticato tutto il giorno, gemo contro la sua bocca, mentre mi bagno come non succedeva ormai da tempo.

Lentamente si stacca da me e inizia a spogliarmi. Capisco da come mi guarda che vuole godersi lo spettacolo con calma. Non ha fretta. Mi fa voltare con la faccia contro la parete e mi slaccia la zip del vestito. Che lascia cadere a terra. Sono lì quasi nuda, con lui dietro di me. Sento il suo sguardo bruciare sulla mia pelle. Mi allarga le gambe, controlla che mi stia piacendo, ascolta il mio respiro. Poi mi fa voltare di nuovo. Mi slaccia il reggiseno con una mossa sicura. Mi prende per mano e mi porta in camera, e si ferma ai piedi del letto.

Non so quanto potrò aspettare ancora prima di saltargli addosso… Sono così eccitata che non capisco più niente. Lui si inginocchia davanti a me e mi abbassa gli slip. I suoi occhi si illuminano quando vede il mio corpo nudo. Mi sento bellissima, è una sensazione meravigliosa. Rimanendo in ginocchio mi prende il culo tra le mani e mi tira più vicino a sé… preme il suo viso tra le mie gambe. Si ferma per un istante e inizia a respirare il mio odore. Le mie gambe quasi cedono per l’eccitazione…Lui se ne accorge e mi spinge sul letto…

Io mi lascio cadere, completamente abbandonata a lui. Velocemente si spoglia, senza mai staccare lo sguardo dal mio corpo, e si sdraia sopra di me. Mi bacia, con passione, mordendomi il labbro inferiore. Le sue mani si muovono sul mio corpo come se sapesse già come mi piace essere toccata. Mi stringe il seno e gioca con i miei capezzoli, mordicchiandoli e baciandoli. Sento l’eccitazione che continua a crescere dentro di me. La sua attenzione si sposta sui miei fianchi, mi stringe il culo e arriva finalmente alla mia figa. Mi accarezza delicatamente. Il mio corpo risponde al suo tocco. Io gemo, mentre le sue dita mi penetrano, muovendosi ritmicamente dentro di me.

Luca non mi stacca gli occhi di dosso. Inizio a muovermi seguendo il ritmo delle sue dita, gemendo sempre più forte.
Sono totalmente bagnata e dal suo sguardo capisco quanto questo lo ecciti. Con movimenti delicati ma decisi mi fa girare e mi mette a pecora. Sento il suo cazzo duro contro il mio sedere. Mi eccita da morire. Voglio sentirlo dentro di me, voglio che mi faccia sua. Ma invece di entrare nella mia figa, sento la punta del suo cazzo contro il mio ano.

Mi irrigidisco. Non ho mai fatto sesso anale prima d’ora, ho paura che faccia male… Lui però mi rassicura sussurrandomi all’orecchio “stai tranquilla e rilassati. Vedrai che ti piacerà”. Delicatamente mi accarezza il sedere, inizia a pizzicare, massaggiare e baciarmi l’ano per farmi rilassare. Poi si allunga e apre il cassetto del comodino….Mi spalma qualcosa di freddo sul sedere e ricomincia a giocare…Mi irrigidisco per un momento, non so se è quello che voglio…

Allora lui inizia a toccare il mio clitoride, piano… fino a che non inizio a lasciarmi andare completamente al suo ritmo. Sento il mio respiro farsi sempre più veloce. Non capisco niente, riesco solo a sussurrargli che voglio essere presa in ogni modo possibile. E le mie parole lo eccitano ancora di più…Adesso appoggia dolcemente un dito sul mio ano e poi lo spinge dentro, piano…Io cerco di rilassarmi il più possibile. Non ho mai provato niente del genere…Ma lui è dolce, e mi accarezza la schiena mentre mi prepara.

Aggiunge un altro dito, e io sento un leggero dolore. Ma so che voglio superarlo, perchè in fondo sento anche che mi eccita un po’. Mi concentro sul mio respiro, sul suo. Mi chiede se sto bene. Faccio segno di sì con la testa. Lui sorride, e inizia a muovere le dita dentro di me, allargandomi sempre di più. È una sensazione strana, ma allo stesso tempo piacevole. Molto piacevole.

Ci prendiamo tutto il tempo necessario per giocare e aumentare l’eccitazione.Quando sente che sono del tutto rilassata si mette dietro di me, e appoggia il suo cazzo contro il mio culo. Sento il panico che torna a salire, ma lui mi sussurra che non c’è nulla da temere e che farà piano. Mi desidera e questo basta a far scomparire la tensione. Ora sono solo eccitata e voglio che mi scopi.

Lentamente, inizia a penetrarmi. Gemo forte, mentre il suo cazzo mi riempie il culo. È una sensazione strana, diversa, ma anche così eccitante. So che sto facendo qualcosa di sbagliato, di proibito ad essere qui con Luca in questo momento. Ma non voglio fermarmi, voglio che mi umili e mi scopi come nessuno ha mai fatto. Voglio godere. Voglio che lui mi faccia godere. Respiro profondamente per rilassarmi ancora di più. Lui capisce al volo e si ferma per un momento, lasciando che il mio corpo si abitui al suo cazzo dentro di me. Poi, ricomincia a muoversi, mentre io gemo di piacere e dolore allo stesso tempo. Il mio corpo reagisce alle sue spinte. Ne voglio di più. Mi afferra i fianchi, spingendosi sempre più a fondo.

Sento il suo cazzo che mi riempie completamente. Mi sta facendo impazzire di piacere, non ragiono più. Inizio a muovermi con lui. Il dolore svanisce, lasciando spazio solo al piacere.
Lui mi afferra i capelli, tirandomi indietro la testa mentre mi penetra sempre più forte. Sta diventando tutto così eccitante e piacevole. Sono sopraffatta.

Mi schiaffeggia il sedere, mentre continua a scoparmi con forza. Sento il suo cazzo che si gonfia dentro di me, e so che sta per venire. Però vuole che goda anche io insieme a lui. Allunga una mano e inizia a masturbarmi mentre mi scopa. Non capisco più niente. “Fammi godere, sì, così”.
Non ce la faccio più. E finalmente vengo. E lui con me. Sento il suo sperma caldo riempirmi il culo. E questo mi fa godere ancora di più.

Il mio cuore batte forte nel petto, lui esce e si sdraia esausto accanto a me. Mi giro sulla schiena e lo guardo. Non c’è bisogno di parlare, è stata una cosa fantastica e lui lo sa. Mi accarezza i capelli, mentre io cerco di riprendere fiato. Non ho mai provato niente del genere prima d’ora, ma so che lo rifarei mille volte.

Non so se ci rivedremo, se lo rifaremo…non so se lo dirò a mio marito… non mi importa.
So anche che quello che ho fatto è sbagliato e che dovrei pentirmi. Ma in questo momento, non me ne frega un cazzo. Mi sento viva. E ora, è tutto ciò che conta. Tutto quello che conta è che per la prima volta dopo mesi mi sento di nuovo felice.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]

Leggi altri racconti erotici:

Nina Love è l’app di audio racconti erotici pensati per il tuo piacere.

Inizia ad esplorare gratis tutti i nostri audio per 7 giorni.

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e ricevi gratuitamente il tuo primo audio erotico.
Invalid email address