nina
Home > Racconti erotici > Memorie di una scopata

Memorie di una scopata

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Il sole è tramontato, mi piace camminare da sola nel parco vicino al mare. Conosco questo posto da quando ero piccola e amo il suo silenzio. È un luogo di pace. Mi fermo a guardare l’acqua e mi perdo nel rumore delle onde fino a quando non sento una voce… è un ragazzo, mi giro verso di lui. Un volto che mi sembra di riconoscere…

Lui sorride. “Ciao,” dice. “Ti ricordi di me?” I suoi occhi brillano.

Annuisco, un po’ sorpresa. Non pensavo lo avrei mai più rivisto. “Certo che mi ricordo”. Ci guardiamo per alcuni istanti, senza muoverci o parlare. Sono passati anni… quante volte ho rivissuto nella mia mente le notti passate insieme…

Poi mi avvicino a lui, il cuore batte forte. Il parco è silenzioso, solo noi due e la luce dei lampioni. Ogni passo verso di lui aumenta la tensione, sento un pizzico di timore e di eccitazione.

Respiro profondamente, cerco di calmare i battiti del mio cuore. Sento l’odore dell’erba umida dopo il tramonto, misto a quel suo inconfondibile profumo che mi fa girare la testa.

Lui mi guarda, immobile in quest’atmosfera che sembra da sogno, ma il suo sorriso è tutto tranne che impassibile. Sento quello stesso desiderio che mi brucia dentro. Mi perdo nei suoi occhi scuri. Quel suo sguardo, così carico di intenzioni, mi immobilizza per un attimo. Poi, con un gesto chiaro e quasi impaziente, mi fa segno di avvicinarmi.

Non appena sono vicina, mi tira a sé. La sua mano, calda e sicura, si posa sulla mia schiena e mi guida dolcemente verso il tronco di un vecchio albero. La corteccia ruvida è un contrasto inaspettato contro il morbido tessuto del mio vestito, sento onde di piacere lungo la schiena.

La sua bocca incontra la mia in un bacio che sembra inevitabile, come se tutte le stelle nel cielo avessero fatto sì che accadesse.

È un bacio pieno di passione, urgente ma dolce, dove ogni emozione nascosta esplode come un fiume in piena.

Le nostre labbra si toccano e scatta qualcosa. Le sue mani si muovono con una confidenza che mi fa ricordare. Ogni tocco è diretto, sicuro. Mi percorrono brividi.

Nina è l’app per chi ama ascoltare audio racconti erotici.

Esplora tutti i nostri audio e le categorie.

Le dita seguono linee che conoscono già, risvegliando sensazioni vecchie. Siamo vicini, i respiri all’unisono. Con gli occhi chiusi, mi lascio andare ai ricordi di noi due, ritrovando un’intimità che credevo persa. Intorno a noi, il mondo scompare, restiamo solo io e lui.

Le nostre mani si intrecciano, forti e decise. La sua presa mi trasmette sicurezza e un calore familiare. Mi stringe a sé, e il suo abbraccio è un rifugio sicuro.

La sua fronte si appoggia delicatamente alla mia, i nostri respiri si confondono. Sento il battito del suo cuore contro il mio petto, veloce e ritmico. È come se questi anni non fossero passati.

Mi accarezza il collo, dolcemente, poi scivola giù e si insinua sotto il vestito, lungo il mio seno, in una carezza che mi fa chiudere gli occhi. Il contatto della sua pelle sulla mia è elettrizzante, inizio a non capire più niente.

Il tempo sembra fermarsi mentre ci riscopriamo. Muove le sue mani sul mio corpo, sfilandomi delicatamente prima il vestito e poi le mutandine. Sono completamente nuda davanti a lui, in mezzo al parco, ma non so digli di no. Ho solo voglia di averlo dentro di me… il resto non conta. Sento il suo sguardo su di me. Lui mi solleva il viso con delicatezza, incrociando di nuovo il mio sguardo. Ciò che non riusciamo a dirci con le parole, lo comunichiamo con gli occhi.

Sussurra il mio nome, e quel suono è musica per le mie orecchie. Mi sento desiderata, importante. I suoi baci diventano più carichi di passione. Le sue mani iniziano ad esplorare ogni parte del mio corpo, portandomi vicina all’orgasmo. Poi mi gira, appoggiata all’albero, si abbassa e inizia a leccarmi da dietro, facendomi perdere completamente la testa… fino a quando lo sento abbassarsi la zip dei pantaloni, e poi un istante dopo, me lo mette dentro. Prima piano e poi fino in fondo, sempre più forte.

Io non resisto e inizio a godere, un orgasmo che mi pervade il corpo come non succedeva da tempo e lui inizia a godere con me. Sento gli spasmi del suo corpo contro il mio… dio che meraviglia!

E’ meglio di come lo ricordassi…

nina audio sex toys

Scritto da Giorgia

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Leggi altri racconti erotici:

Nina è l’app di audio racconti erotici pensati per il piacere femminile.

Inizia ad esplorare gratis tutti i nostri audio per 7 giorni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Scopri i segreti del piacere con la nostra newsletter. Storie audaci, consigli piccanti, e una buona dose di ironia ti aspettano.
Invalid email address